Scienziati francesi progettano un sistema per contrastare la forza dei terremoti

 

 

Scienziati francesi progettano un sistema per contrastare la forza dei terremoti

Si può ridurre la forza distruttiva di un terremoto?
A detta di un team congiunto di ricercatori dell'Università di Marsiglia e del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica (CNRS) sembrerebbe proprio così.
Gli scienziati stanno sperimentando un sistema che utilizza la tecnologia dei metamateriali per deviare le onde generate da un terremoto.
Ma andiamo per gradi e cerchiamo di spiegare il tutto in modo semplice.
Durante un terremoto vengono generate onde che, quando raggiungono la superficie terrestre, si muovono lungo la superficie stessa.
Sono proprio queste onde a causare i maggiori danni agli edifici e alle strutture artificiali.
I meta materiali, invece, sono materiali creati artificialmente con proprietà elettromagnetiche peculiari che lo differenziano dagli altri materiali. Le loro caratteristiche macroscopiche non dipendono solo dalla loro struttura molecolare, ma anche dalla geometria realizzativa.
In altri termini, un metamateriale guadagna le sue proprietà dalla sua struttura piuttosto che direttamente dalla sua composizione chimica.
Orbene per testare il loro sistema di controllo antisismico, il team ha innestato nel terreno ad una profondità di circa 5 metri alcune delle bande realizzate con metamateriali.
I risultati sono stati sorprendenti in quanto le onde d'urto sono state ridotte fino al 50%.
Al momento gli scienziati sono solo all'inizio, ma questo è davvero un ottimo punto di partenza per riuscire a contrastare in un qualche modo la forza distruttiva dei terremoti.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: metamateriali deviare onde terremoto, rompere onda urto terremoto, ridurre forza terremoti

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons