Prove tecniche di levitazione: in futuro le automobili potranno fluttuare nell'aria?

 

 

Prove tecniche di levitazione: in futuro le automobili potranno fluttuare nell'aria?

Pensate che a questo mondo solo i maghi e gli illusionisti riescano a levitare? Sbagliato, perché un team di ricercatori dell'Università di Tel-Aviv (Isreale) ha scoperto un modo per far fluttuare gli oggetti fluttuano a mezz'aria con un processo chiamato levitazione quantistica (o anche "locking" quantistico).

Per la dimostrazione della loro scoperta gli scienziati hanno utilizzato un disco di zaffiro ricoperto da un sottilissimo strato ceramico fatto di una lega di ittrio, bario e rame che fornisce qualità da superconduttore a bassissime temperature.

Dal momento che il superconduttore usato per l'esperimento era estremamente sottile, per cui le onde magnetiche sono riuscite a penetrare all'interno dello zaffiro attraverso punti più "deboli" chiamati tubi di flusso i quali, bloccati all'interno del superconduttore, hanno permesso al disco di galleggiare, ruotare e muoversi anche a mezz'aria.

Il fenomeno di levitazione è dato dall'Effetto Meissner ovvero la "espulsione" del campo magnetico interno di un oggetto superconduttore, mentre la capacità di seguire il percorso dei magneti senza "deragliare" (la vera novità della dimostrazione dei ricercatori israeliani) dipende dalla inusuale sottigliezza dello strato di materiale superconduttivo.

Al momento non esistono studi applicativi concreti di questa invenzione, ma già qualcuno pensa che, in un prossimo futuro, questa la tecnologia possa trovare uno sbocco nel campo dei trasporti.


Guarda il video





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: levitazione quantistica, locking quantistico, superconduttori, Effetto Meissner

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons