D'ora in poi l'unico che puo' diramare dati sull'inquinamento in Cina e' il... Governo cinese!

 

 

D'ora in poi l'unico che puo' diramare dati sull'inquinamento in Cina e' il... Governo cinese!

È proprio il caso di dire che dopo i diritti umani (violati), l'informazione (oscurata e controllata), il libero pensiero (negato) e chi più ne ha, più ne metta, anche l'inquinamento diventa per il Governo cinese un dato sensibile da amministrare e parlarne significa esercitare un'indebita ingerenza negli affari interni del Paese.
Così si è espresso il vice ministro dell'Ambiente Wu Xiaoqing che ha ammonito quelle ambasciate, che emettono periodici bollettini sulla qualità dell'aria della capitale cinese, di cessare ogni comunicazione al riguardo.
D'ora in poi, le uniche fonti legittimate a divulgare questa tipologia di dati sono quelle ufficiali, peccato solo che le cui misurazioni siano spesso comunicate a 24 ore di distanza dalla rilevazione.
L'ammonimento sembra sia stato particolarmente rivolto all'ambasciata americana che ogni ora su Twitter comunica ai suoi 20.000 Twitters le letture dei livelli d'inquinamento ottenute attraverso le proprie attrezzature di monitoraggio.
"La Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, ha detto il vice ministro durante la conferenza stampa, stabilisce che i diplomatici stranieri devono rispettare e seguire le leggi locali e non devono interferire sugli affari interni di un Paese. La qualità ed il monitoraggio dell'aria sono una questione di pubblico interesse e quindi sono di competenza governativa. Le sedi diplomatiche che divulgano i dati raccolti vanno contro il dettato della Convenzione".
Secondo il vice ministro è scorretto voler misurare il livello di inquinamento dell'aria pechinese con i parametri fissati dall'Agenzia per l'Ambiente statunitense. "Se le Ambasciate ed i Consolati vogliono continuare a raccogliere i dati - ha aggiunto - possono continuare a farlo, ma non possono diffonderli all'esterno ed in particolare non possono pubblicarli su internet".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: dati inquinamento Cina, inquinamento atmosferico Pechino, dati Co2 Cina

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons